aquarium contest

Aquascaping: il nuovo sentiero verde nell’acquariofilia

  In tutto il mondo, negli ultimi quindici anni, sono nati decine di concorsi legati al mondo dell’acquariofilia dolce. Il palcoscenico mondiale dei concorsi, oggi propone quelli dei Betta e Guppy Show, prestigiosi ed articolati Discus championship ai quali si sono aggiunti, in questi ultimi anni, i Caridina Championship. Aziende, allevatori e appassionati di tutto il mondo si mettono in gioco durante questi concorsi mostrando, tramite i loro esemplari migliori, il frutto del loro lavoro e competenza o, semplicemente, vivendo i contests come un momento di pura condivisione e divertimento. Nel web e nelle riviste di acquariofilia è dato sempre molto risalto a questi concorsi, perché possono anche rappresentare una buona vetrina per allevatori professionisti e amatoriali. Allettanti occasioni per presentare nuove varietà delle diverse specie di pesci e invertebrati. Dal contesto si distaccano decisamente i concorsi di Aquascaping (Aquascaping Contest) che invece esaltano, ai massimi livelli, un particolare ramo dell’acquariofilia: l’Aquagardening. Per raggiungere risultati apprezzabili in questo specifico ramo, è fondamentale possedere, oltre all’ottima conoscenza dell’ambiente acquatico e delle piante acquatiche, una spiccata capacità artistica – filosofica – architettonica. A questo, bisogna aggiungere delle importanti doti nell’arte della fotografia. Insomma, una serie di caratteristiche che è possibile affinare nel tempo, ma che fanno parte di un patrimonio genetico che potrebbe non appartenere a tutti. L’Aquascape, acronimo di Aquatic – Landscape, in italiano: paesaggi acquatici, è una filosofia che in acquariofila si traduce nell’arte della creazione all’interno dei cinque vetri dell’acquario, di un paesaggio in grado di suscitare emozioni in chi lo osserva. L’obiettivo è di rievocare in chi osserva, l’emozione che può scaturire  un’ansa di un grande fiume amazzonico, il picco di una montagna altissima, un piccolo ruscello vicino casa, un grande prato illuminato dal sole o, addirittura, le grandi opere dell’uomo… come Stonehenge o il Partenone. E’ la voglia di generare queste sensazioni che spingono i migliori aquascapers in tutto il mondo a creare acquari ispirati a paesaggi suggestivi. Scenari che prendono spunto dalla natura sia acquatica che terrestre, come insegna la filosofia dell’Acquario Naturale del Maestro Giapponese Takashi Amano. Il concetto di “Acquario Naturale”, sviluppato negli anni ’90 dal grande fotografo e naturalista Mr. Takashi Amano, è di “imparare dalla Natura per creare la Natura”. Un principio più che mai attuale e necessario: l’uomo del resto non è padrone della Natura, ma parte di essa… una piccola parte di essa. L’idea di acquario naturale pertanto, può considerarsi anche un’occasione per ricostruire un nuovo rapporto tra la natura e l’uomo.   Acquario Naturale ADA Nel nostro paese l’arte dell’Aquascape ha cominciato a interessare gli acquariofili italiani una dozzina di anni fa. Negli anni precedenti gli appassionati di piante d’acquario e di aquagardening non avevano occasioni per condividere le proprie esperienze. Le informazioni provenivano solamente da pubblicazioni editoriali come 'Aquarium', che ha comunque dato un grande apporto alla divulgazione e cultura sull’acquario di piante negli anni ’70 e ’80. Questo grazie ai preziosissimi articoli di Arend van den Nieuwenhuizen, un famoso fotografo naturalista, nonché affermato acquariofilo olandese. Mr. Arend sarà anche il mentore di tanti appassionati acquariofili degli anni a venire, grazie alla sua lunga collaborazione con la rivista, scrivendo una serie di articoli aventi per oggetto “l’acquario in soggiorno» . In quegli anni si parlava di acquario olandese. Diverse aziende come, ad esempio, le tedesche Dupla e Dennerle, proponevano acquari dove il risultato scenico era dato da una moltitudine di piante acquatiche rigogliose. Splendide vasche ricche di piante nelle loro più accese colorazioni e dall’aspetto talvolta poco naturale, ma che hanno sicuramente attirato l’attenzione di moltissimi appassionati che, fino ad allora, consideravano l’acquario nulla di più di un contenitore di pesci e mai un affascinante giardino acquatico. Acquari che potevano risultare eccellenti e suggestivi oggetti d’arredo in grado di illuminare e valorizzare le abitazioni Acquario Olandese tedesco   L’arrivo di Internet nelle case degli italiani ha reso finalmente possibile la condivisione immediata di tutte le esperienze legate a questo tipo di acquariofilia.Nel 2000 nasce in Italia il primo forum dedicato al plantacquario: Aquaplanta. Questo primo portale diventerà, qualche anno dopo, Aquagarden (www.aquagarden.it) il portale di riferimento dell’aquagardening in Italia. Metaforicamente parlando Aquagarden è stata terra fertile dalla quale sono germogliati, crescendo poi rigogliosamente, tutti i più importanti aquascapers italiani. Grazie ad Aquagarden, gli appassionati dell’acquario di piante italiani poterono confrontarsi quotidianamente sul web, condividendo tecniche ed esperienze. Questo diede un’importante spinta alla diffusione e alla cultura dell’aquagardening e all’aquascape nel nostro paese. Nello stesso periodo, sempre tramite il web, nascevano i primi Aquascape Contest. Concorsi fotografici che premiano la fotografia del miglior Aquascape. Grazie alla facilità di condivisione del materiale, questi concorsi hanno avuto, di anno in anno, un successo crescente. Ai più famosi contest, come l’AGA (Aquatic Gardeners Association) Internatonal Contest americano e IAPLC (International Aquatic Plants Layout Contest) giapponese organizzato dalla Ada di Takashi Amano, nel giro di una decina d’anni, se ne sono aggiunti ogni anno di nuovi. In questi concorsi, gli aquascaper hanno la possibilità di programmare e progettare il loro layout, fotografandolo nel momento del suo massimo splendore. L’immagine scattata, costituirà l’oggetto del concorso e della valutazione. Questo è il motivo per cui, il possedere una buona tecnica fotografica atta a valorizzare l’acquario, è un elemento fondamentale per la partecipazione a queste tipologie di concorsi. I nostri aquascaper iniziano così a partecipare a concorsi internazionali. Nonostante i favoriti siano i partecipanti asiatici e, in particolar modo, i Giapponesi (aree geografiche dove la cultura “zen” è più radicata che in Europa) i concorrenti italiani, già nei primi anni, sono riusciti a imporsi come aquascapers di qualità e fantasia, migliorando progressivamente i risultati finali.   Giuseppe Landieri "Il tocco del Drago" -IAPLC 2001 6°classificato   Giuseppe Landieri "Passione Mediterranea"-IAPLC  2003 2°classificato   Mirko Agasi "Clouds in the lake" Menzione speciale AGA 2008   Massimo Faberi "Green Cloud"-AAC 2009 1° classificato   Pasquale Buonpane "Oriente ed Occidente" AAC 2009 2° classificato     Andrea Ongaro "Sunrise on the river" AAC2009  7° classificato acquari medi   Diego Marinelli "Shelter from the storm" AAC 2009 8°classificato     Negli anni recenti in Italia l' Aquascaping sta vivendo un momento di grande fermento, grazie ai diversi portali web che diffondono cultura e informazione sull’aquagardening e aquascaping. Le aziende Italiane più attente alla richiesta di mercato, guardano con interesse questo crescente interesse per l’Aquascape: L’azienda Elos, ad esempio, ha puntato la loro immagine di alto profilo su prodotti per il Reef e per l’Aquascape, proponendo prodotti la cui qualità è indiscussa.       Elos- Systemmini Un altro esempio è il percorso dell’azienda botanica Anubias che, da qualche anno, ha iniziato a selezionare delle specie di piante rare e di complessa coltivazione “in vitro”. Le piante così coltivate garantiscono un semplificato e veloce start up della pianta in acquario. Questo è un dettaglio significativo e prezioso per gli aquagardeners più esigenti. Inoltre, in collaborazione con Oliver Knott (noto aquascaper tedesco) ha messo a punto una linea completa di substrati e fertilizzanti specifici per l’aquagardening. Piante Anubias:linee Cup, Tube e Carpet Di fatto tutta l’immagine dell’acquariofilia dolce si sta evolvendo verso prodotti più raffinati, visivamente meno ingombranti, ma qualitativamente ottimi e performanti. Non solo il contenuto dei cinque vetri diventa il protagonista, ma tutto l’acquario. Un complesso che ritrae uno scorcio di natura che vi si crea all’interno. Per realizzarlo nella sua complessità è necessario che tutto il materiale sia di altissima qualità: la qualità degli acquari e i prodotti come quelli Aquaristica e Vitrea sposano in pieno questo nuovo orientamento. Le stesse aziende italiane (come Aquaristica, e Cia ad esempio) distribuiscono nel nostro mercato marchi stranieri di alto profilo legati all’aquascape, come ad esempio Dupla, Seachem, Blau.. che offrono dei prodotti molto appetibili a questi aquariofili esigenti, come vasche, luci, substrati e fertilizzanti ma anche raffinatissimi accessori specifici per l’aquascaping. Acquario Vitrea, piante Anubias, layout  by Fabio Lorusso   Acquario Aquaristica 'Aqualand' In Italia classici Aquascape Contest non sono organizzati. In Italia è di grande interesse il “NaQ Live Aquascape Contest”, legato alla manifestazione internazionale Napoli Aquatica. Già nel 2011 la manifestazione ha promosso delle attività dal vivo, dove sono stati svolti dei workshop di Aquascaping, esposizione di layout personali ma soprattutto un importante e ampio Live Aquascape Contest. Nell’edizione 2013, prevista nelle date 27, 28 e 29 settembre 2013, avranno nuovamente luogo le medesime attività, ma sviluppate su superfici maggiori, con coinvolgimenti più ampi e articolati. Per fisionomia e regolamento, nel concorso live di Napoli Aquatica, la bravura dell’aquascaper è messa alla prova pubblicamente, senza la possibilità di “fermare” il tempo nella perfezione di un’immagine fotografica, ma realizzando davanti al pubblico il suo layout progettato... e immediatamente dopo votato dalla giuria. Nell’edizione 2011, gli aquascapers non avevano la possibilità nemmeno di progettare a priori il proprio layout, mettendosi in gioco confrontandosi sia nell’arte dell’allestimento che nella capacità d’improvvisazione. Pasquale Buonpane-Napoliaquatica 2011-Live Aquascaping contest Queste occasioni hanno generato una grandissima voglia di partecipazione e condivisione tra appassionati. Momenti di aggregazione che portano a una comunicazione e collaborazione reale tra di loro, non legata indispensabilmente al mondo virtuale. Queste attività tendono a generare coinvolgimento e, si spera, un numero sempre maggiore di appassionati. Sono già molte le nuove leve nell’aquascaping che siamo sicuri ci daranno moltissime soddisfazioni nelle manifestazioni internazionali. Il team dell'Aquascape project NaQ2011   Siamo orgogliosi di sapere che nel nostro paese, oltre allo sport, alla cultura e all’arte, abbiamo altre occasioni e nomi che daranno lustro al nostro paese... Andrea Ongaro "il rifugio"-TBNAD 2011 2° classificato e menzione speciale AGA 2011 Pasquale Buonpane-"I pilastri della terra" -AGA 2011 2*classificato-IAPLC 2011 22° class.     Pasquale Buonpane "Dove soffia il vento" Menzione speciale AGA 2012- IAPLC 2012 31° class.   Diego Marinelli "One too many morning"-IAPLC 2012  9°Classificato-     Livia Giovannoli Ringrazio per le foto:Diego Marinelli, Pasquale Buonpane, Andrea Ongaro, Mirko Agasi,GiuseppeLandieri, ADA,Aquaristica,Anubias,Aquagarden, Blu Aquarium,Elos, Napoliaquatica,


Mediterranea Discus 2010: i discus in concorso

Salento acquari 2010: i discus in concorso A cura di MondoDiscus     ENTRA NELLA SEZIONE DEI VINCITORI   RITORNA IN HOME PAGE - BACK TU RETURN     ©MondoDiscus.com. È vietata la riproduzione, anche parziale, delle illustrazioni, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso dell'autore.  


Mediterranea Discus 2010: i vincitori

Salento acquari 2010: i vincitori   a cura di Mondo Discus   CATEGORIA SOLID RED AND BEST OF SHOW ITALIA - Antonello Greco - Andrea Sassi Punteggio: 73,20 CATEGORIA WILD GREEN PRIMO CLASSIFICATO ITALIA - Paolino Manuel V. Punteggio: 78,60 SECONDO CLASSIFICATO ITALIA - Giuseppe Paolino Punteggio: 68,40 CATEGORIA WILD HECKEL PRIMO CLASSIFICATO ITALIA - Lorenzo Vecchio Punteggio: 78,60 SECONDO CLASSIFICATO ITALIA - Lorenzo Vecchio Punteggio: 71,40 TERZO CLASSIFICATO ITALIA - Fernando Donno Punteggio: 68,80 CATEGORIA WILD BLUE   CATEGORIA WILD BLUE AND BEST OF SHOW WILD ITALIA - Ferrara Antonio Punteggio: 86,80 SECONDO CLASSIFICATO ITALIA - Paolino Giuseppe Punteggio: 58,80 CATEGORIA WILD BROWN   PRIMO CLASSIFICATO ITALIA - Lorenzo Vecchio Punteggio: 70,20 SECONDO CLASSIFICATO ITALIA - Dambra Michele Punteggio: 69,00 TERZO CLASSIFICATO ITALIA - Dambra Michele Punteggio: 66,20 CATEGORIA STRIPE TURQUOISE PRIMO CLASSIFICATO ITALIA - Antonio Stima Punteggio: 79,00 SECONDO CLASSIFICATO ITALIA - Antonio Stima Punteggio: 71,40 TERZO CLASSIFICATO ITALIA - Antonio Lupiccio Punteggio: 70,20 CATEGORIA SOLID BLUE PRIMO CLASSIFICATO GRECIA - Pikis M – Tony Tan Punteggio: 79,00 SECONDO CLASSIFICATO ITALIA - Ernesto Militi Punteggio: 73,60 TERZO CLASSIFICATO ITALIA - Caminiti Barbara Punteggio: 70,20 CATEGORIA RED SPOTTED PRIMO CLASSIFICATO GRECIA - Pikis M – Tony Tan Punteggio: 87,60 SECONDO CLASSIFICATO GRECIA - Pikis M – Tony Tan Punteggio: 85,00 TERZO CLASSIFICATO ITALIA - Caminiti Barbara Punteggio: 72,80 CATEGORIA PIGEON BLOOD PRIMO CLASSIFICATO ITALIA - Antonio Ferrara Punteggio: 83,80 SECONDO CLASSIFICATO GRECIA - Pikis M – Tony Tan Punteggio: 78,60 TERZO CLASSIFICATO ITALIA - Greco A. - Sassi A. Punteggio: 77,80 CATEGORIA OPEN PRIMO CLASSIFICATO ITALIA - Antonio Stima Punteggio: 80,00 SECONDO CLASSIFICATO ITALIA - Carmelo De Giorgi Punteggio: 75,40 TERZO CLASSIFICATO ITALIA - Paolino Manuel V. Punteggio: 66,80 RITORNA IN HOME PAGE CONTEST - BACK TU RETURN


Mediterranea Discus 2010: Il Reportage

Salento acquari 2010: Il Reportage A cura di Livia Giovannoli e Francesco Barba Lo staff di Mondodiscus non poteva sicuramente mancare a quello che è per il momento l’unica importante manifestazione legata ai discus in Italia, il concorso Mediterranea discus all’interno della manifestazione’ Salento acquari.’ Questo avvenimento che si è svolto a Lecce, in una delle  più belle città del nostro sud Italia , ci ha dato la possibilità di riunire nello stesso posto tantissimi appassionati provenienti da tutto il mondo,con l’occasione di fare la conoscenza con nomi famosi nel mondo del discus e conoscere tanti appassionati.  Livia e Heiko Bleher All’interno della fiera, abbiamo subito  organizzato un meeting point di Mondodiscus  presso lo stand Aquapress di Heiko Bleher.. e abbiamo consegnato ai nostri più cari collaboratori la loro maglietta di rappresentanza Antonio Gioia, Francesco Barletta, Alessandro Crudo   Antonio Gallo e Rosario Curcio La giornata di sabato è iniziata intorno alle 10 con una interessantissima conferenza di Heiko Bleher  relativa ai biotopi amazzonici scoperti nel suo viaggio del 2008 e  una interessantissima relazione sulla tassonomia del  genere Pterophyllum (altum, scalare ) Heiko Bleher Ferdinando Donno Livia, Rosario e Mario Tarantino In chiusura delle due conferenza l'architetto Rosario Curcio ( il nostro admin) ha presentato un nuovo e importante progetto editoriale per rilanciare l'Italian Discus Style che non è fatto solo di discus ma anche di cultura e informazione. Progetto che era in gestazione da diversi mesi è che è stato presentano in anteprima assoluta proprio nella cornice di Salento Acquari per tutti gli appassionati discusofili.. Per quanto riguarda il concorso Mediterranea Discus, i pesci presentati in gara sono stati poco  più di 70. Gli esemplari in concorso erano tutto sommato di buona qualità  e in discrete condizioni. Già il sabato mattina la giuria internazionale aveva giudicato i pesci in gara. La giuria internazionale era composta da personaggi di indubbia fama in campo acquariofili come Heiko Bleher, Sebastiano Solano , Jeffrey Tan,Kesren Opitz I giudici della gara   riceve il premio Sebastiano Solano Potete vedere  qui tutti i discus premiati. All’interno della fiera, erano presenti molte aziende con i loro stand, nei quali avevano allestito bellissimi biotopi. Le aziende presentavo le loro ‘chicche’ commerciali…  alcune a nostro parere  di dubbia utilità,   altre molto innovative, come ad esempio questa bellissima plafoniera  a led. La soddisfazione più grande di partecipare a queste manifestazioni  è quella di incontrare tantissimi appassionati conosciuti solo nei vari portali internet. Incontrandosi faccia a  faccia si annullano o quasi  le pseudo rivalità  e incomprensioni che nascono spesso nel mondo del  web Antonio Gioia e Jeffrey Tan   Salvatore De Falco e Jeffrey Tan   I calabroni   Francesco Penazzi e Francesco Denitto   Rosario Curcio e Gennaro Iovino   Staff Md con Heiko Bleher A tale scopo, noi di Mondodiscus abbiamo organizzato una cena aperta a tutti gli appassionati presenti in fiera, alla quale hanno partecipato una trentina di persone. Il risultato è stato quella di una serata  all’ insegna dell’allegria  e del buon cibo … Mario Tarantino, Francesco Barba, Salvatore De Falco   Antonio Gallo, Livia e Francesco Barba   Gennaro Nuzzo e Antonio Gioia Rosario, Christian Pedone e Antonio Gioia   Roberto Manfredi   Francesco Barletta   Mario e Rosa Tarantino   antonio Gallo al telefono con Ivan Donato   Francesco Barba   Roberto Manfredi e Antonio Gioia   Gennaro Iovino   Livia e Antonio Gallo   Christian Pedone   Antonio Ferrara, Gennaro Iovino e Daniele   Rosario Ringraziamo innanzitutto il Gruppo Acquariofilo Salentino per aver organizzato un evento di tale importanza   per tutti  gli acquariofili. Ringraziamo anche tutti  quelli che hanno partecipato e hanno condiviso con noi questo piacevolissimo  week end leccese.   RITORNA IN HOME PAGE - BACK TU RETURN     ©MondoDiscus.com. È vietata la riproduzione, anche parziale, delle illustrazioni, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso dell'autore.    


Mondo Discus
© 2013