Mondo Caridine: La genetica delle TigerBee o TiBee

28 luglio 2011

Come selezionare le TigerBee o Tibee

di Gennaro Nuzzo

Di recente selezione, le TiBee stanno facendo capolino sulla scena mondiale. Stando al potenziale descritto dagli allevatori, nei prossimi anni si vedranno tantissime nuove varietà cromatica per la specie Caridina cf. cantonensis. Questa selezione, è il frutto di un incrocio ottenuto fra le due famose specie, Crystal e Tiger. Avendo queste due caridine la possibilità di incrociarsi, dando poi prole fertile, da alcuni anni allevatori europei si sono cimentati nella sua selezione. Anche altre specie hanno la capacità di accoppiarsi, ma la progenie che ne deriva si mostra sterile, di conseguenza non è possibile ottenere selezione. Anche nelle TiBee si verifica tale fenomeno, questo infatti rende la selezione più lunga e complessa, ma mediamente è possibile continuare con relativa semplicità. L’ibrido è chiamato in modo abbreviato TiBee, ma anche TigerBee, BeeTiger o CrystalTiger. Personalmente ritengo che, essendo il fenotipo Tiger dominate, il termine TigerBee o TiBee sia giusto ed appropriato. Quindi, salvo variazioni, il nuovo ibrido sarà: Caridina cf. cantonensis sp. “TiBee”.

Con le TiBee ho iniziato circa due anni fa, in modo approssimativo, non conoscendo molto di questo ibrido e della sua selezione. Le poche voci lasciavano, oltremodo irrisolti, i molteplici quesiti che si presentavano strada facendo. Senza molto impegno introdussi alcuni esemplari in una vasca, lasciando che la natura facesse il suo corso. La conduzione della vasca non era differente dalle normali procedure adottate per le comuni Crystal Shrimp (CS).

La specie Tiger, sicuramente meno nota della Crystal, oramai dopo anni di allevamento, può essere mantenuta con gli stessi parametri e conduzione delle CS, cosi da favorirne l’ibridazione.



Caridina cf. cantonensis “Tiger”


L’ibrido è ottenuto dell’incrocio delle già sopracitate specie. Entrambe avendo due colori di base, è possibile avere in partenza già ben 4 combinazioni, di seguito illustrate:


Risulta subito chiaro che le combinazioni possibili possono diventare decine, se si prendono in esame tutte le varianti delle due specie. Ogni combinazione con la Tiger va subito moltiplicata per due, i colori principali delle CS.

La varietà Tiger:


Tiger Red


Tiger Black


Tiger Black OE



Tiger Blu (variante)



Tiger Blu


Tiger Blond OE


Tiger Black Diamond OE



Tiger Blu (variante 2)

Tralasciamo per ora le possibili varianti dell’incrocio, prendiamo in esame la combinazione base.
Come illustrato, è possibile effettuare tutte e quattro o una sola delle principali combinazioni, il risultato sembra però non cambiare molto.
In tutti e quattro i casi il risultato da me ottenuto in F1 è stato mediamente questo:


Il colore e disegno ancestrale della Tiger risulta essere del tutto dominante in F1, cioè il fenotipo Tiger sovrasta del tutto quello Crystal, a prescindere se nero o rosso. In pratica il disegno diventa più irregolare con l’aggiunta di striature bianche più o meno intense. In alcuni casi però è possibile vedere già da subito qualcosa di più carino ed interessante (aspetto soggettivo), con esemplari anche di colore rosso.


TiBee con uova


L’ibrido TiBee per quanto riguarda l’aspetto riproduttivo, è paragonabile al cugino Taiwan Bee. Più lento nella crescita, maturità sessuale tardiva, ma prolificità maggiore. Per quanto riguarda la mortalità giovanile, non ho riscontrato particolari debolezze.



F1 di TiBee

Per ottenere esemplari più belli ed interessanti è necessario andare avanti con la selezione ed arrivare almeno in F2-F3. In Europa ci sono allevatori che hanno raggiunto anche selezioni in F8-F10 ma i risultati ottenuti non sembrano gratificare questo lungo lavoro. Probabilmente si sono fatti errori nelle scelte selettive oppure le conoscenze fino ad ora ottenute, non permettono di gestire questo ibrido utilizzando le leggi basi della genetica Mendeliana. Un chiaro avviso è dato dalle molteplici varianti che si possono ottenere all’interno della stessa nidiata, le correlazioni genetiche e fenotipiche sono ancora poco chiare, le dominanze variano di molto anche all’interno di una stessa combinazione cromatica. Se prendiamo la generazione F2, dove mediamente si dovrebbe intravedere già chiaro il percorso selettivo, i risultati possono essere uguali o addirittura peggiori di quelli ottenuti in F1, anche se dal punto di vista “estetico”, esemplari carini sono già visibili.

Personalmente equiparo la potenzialità delle TiBee a quella dei Guppy, dove le possibilità cromatiche sono teoricamente infinite. Nessun altra specie di neo-caridina ad oggi, ha espresso in modo cosi palese, ed immediato, siffatte potenzialità. Ciò è sicuramente dovuta all’essere ibrido, dove il pull genetico che si viene a creare, permette molteplici espressioni fenotipiche. Selezionarle tutte richiederà tempo, ma orami il vaso di pandora è stato aperto e solo la nostra capacità selettiva porrà limiti alle espressioni derivanti da questo interessantissimo ibrido TigerBee (TiBee).

Le varianti sono molto belle già in tenera età. La prima meta già raggiunta è la famosa White Tiger, denominata cosi ma sarebbe giusto definirla White TiBee. Non sembra essere del tutto fissata geneticamente e reperirla non è facile, se non impossibile (almeno ad oggi).

Tornando al lavoro che sto portando avanti, vi mostro una carrellata di esemplari degni di nota, si tratta di selezioni particolari TiBee da F2 a F4:



F2: TiBee Full Red

Questa è solo una parziale, ma indicativa, carrellata di varianti TiBee, il lavoro per migliorare o definirle tutte è lungo ed impegnativo. A differenza di altre selezioni, penso che qui il ruolo dei pochi esemplari unici sia da prendere in seria considerazione e soprattutto possibile. Finalmente, dopo una veloce massificazione, sarà auspicabile per gli appassionati più esigenti ed interessati, possedere esemplari non prodotti in serie e addirittura rari nella loro variante cromatica.

I più tradizionalisti non ritengono interessanti le TiBee, perchè ibridi e non specie pura. Ma quale specie resta pura una volta che l’uomo inizia a selezionarla? Nessuna! Altri invece non ritengono interessanti le combinazioni cromatiche, perché troppo legati alle varietà già conosciute. Personalmente paragono le TiBee ad una tavolozza dei colori, con la quale l’artista può esprimere le proprie conoscenze artistiche e dare sfogo alla personale fantasia.

Per NAQ 2011 allo stand di DM FARM sarà possibile vedere alcuni degli esemplari indicati nell’articolo.

 

TORNA IN HOME PAGE BACK TU RETURN



Photo Contest In Water L’intervista: Biotopica su MondoDiscus
Photo Contest In Water
L’intervista: Biotopica su MondoDiscus
Mondo Discus
© 2013