Acquari italiani: nel regno degli Heckel, Re dei Re

27 ottobre 2008

Image


La vasca degli Heckel… Re dei Re

di Livia Giovannoli

 

 

Aquarium amazonia tank

 

Aquarium amazonia tank

 

Aquarium amazonia tank

 

Aquarium amazonia tank

 

Aquarium amazonia tank

 


VASCA: L’acquario che vedete in foto l’ho preso 4 anni fa ed   è della ditta danese Aquastabil, misura cm 160x55x60 (530 litri ).

FILTRAGGIO: Due filtri esterni Eheim 2028 caricati con il materiale dato in dotazione dalla casa.
ILLUMINAZIONE: Il coperchio è stato modificato dalle originali 2 t5 da 80 watt: Ho installato 4 t5 da 54 watt:2 Askoll power glo e 2 Askoll life glo.Il fotoperiodo che ho impostato ora e’ di 12 ore.
(2  power glo per 12 ore  2 life glo per 4 ore).
Gli ospiti di questo acquario gradiscono poco la luce intensa.

ALLESTIMENTO: Sfondo tridimensionale 150×58 diviso in due pezzi-e siliconato sul fondo della vasca ; nel retro vi trovano  alloggio due termoriscaldatori da 300 watt , i tubi di aspirazione dei due filtri. e i tubi e le sonde dell’impianto ad osmosi collegato alla vasca. La superficie dietro il pannello e’ coperta da spughe per evitare  pericolosissimi salti dei pesci nel retro vasca… che e’ diventata comunque la tana dei loricaridi e di qualche petitella.FONDO: Cavetto riscaldante da 100 watt e sopra ho versato del ghiaino di due tonalità diverse di colore (bianco avorio e rosella).

PIANTE:
Echinodorus El Diablo (cultivar Anubias)
Echinodorus Ozelot Rosso,
Nimphea  Zenkeri ‘Red Tiger’,
Nimphea Zenkeri green,
Nimphea Stellata,
Criptocoryne parva,
Criptocoryne wendtii brown,
Barclaya Longifolia Red,
Hydrocotyle Leucocephala (galleggiante),
Pistia Stratiotes (galleggiante).
Foglie di catappa terminalia adagiate nel fondo
Fertilizzo con delle palline fertilizzanti della Azoo localmente, aggiungo spesso del Ferro chelato.
ACQUA: utilizzo l’acqua proveniente dall’impianto ad osmosi, mescolata con acqua prefiltrata su carbone. L’acqua che utilizzo per i cambi ha una conducibiltià di 200 us.
Il cambio dell’acqua è gestito da un impianto di cambio automatico con troppo pieno , comandato da un timer ed elettrovalvola, che immette in vasca -30 litri goccia a goccia al giorno e ne svuota altrettanti.


Aquarium amazonia tank
Aquarium amazonia tank
Aquarium amazonia tank
Aquarium amazonia tank

Valori dell’acqua in acquario:
pH 6,2 -6,3
cond 220-250
Kh 3
No2 0
No3 30
Po4 0,5.
Temperatura 28° 

Aquarium amazonia tank
Aquarium amazonia tank
Aquarium amazonia tank
Aquarium amazonia tank

 


Popolazione:
30 corydoras sterbai
30 otocilclus,
2 sturisoma panamensis
15 petitelle george
1 farlowella agus
9 discus Heckel
Alimentazione:I pesci mangiano 2- volte al giorno, granulato, granulato vegetale, spirulina in fiocchi e talvolta larve scongelate . 

Aquarium amazonia tank
Aquarium amazonia tank
Aquarium amazonia tank

Manutenzione e gestione dell’acquario: Dato che i cambi dell’acqua sono totalmente automatizzati, necessità di trafficare sull’acquario è molto ridotta.
In pratica intervengo solo di forbici per sfoltire le piante, perché, sia la Hydrocotyle Leucocephala che le Nimphee   quando si adattano bene risultano molto invasive, e quindi le potature sono necessarie a settimane alterne. Non uso condizionatori né resine, metto solamente nell’acqua ogni tanto dei complessi minerali (Discus Essential- Kent)  per i discus.
A settimane alterne  effettuo un cambio d’acqua  supplementare di 150 litri per tenere i valori di No3 e Po4 più bassi possibili, perche’ i miei pesci sono molti sensibili a  questo tipo di inquinamento (si scuriscono e si scuotono infastiditi).. e anche per…’tenere svegli i sensi’.. .. ho notato più di qualche volta in concomitanza di un abbondante cambio d’acqua dei ‘vibramenti’ di due Heckel….non e’ mai successo nulla… ma io ricordo loro che in Amazzonia l’acqua non e’ costante a 28 gradi 365 giorni l’anno!!! 

Aquarium amazonia tank
Aquarium amazonia tank

Commento:
La mia passione per le piante e gli Heckel discus rende un po’ ardua  l’impresa di appagare  entrambe le passioni in una unica vasca… Negli anni passati ho sempre cercato di centrare questo obiettivo cercando di forzare  l’acquario  ( le piante, il filtro e l’acqua), ad adattarsi alle esigenze dei discus. Ma i risultati non sono sempre stati soddisfacenti.  e ogni qualvolta il delicato equilibrio dell’acquario si rompeva  a pagarne le conseguenze sono sempre stati i pesci. Ma osservando attentamente i miei pesci in questi anni ho potuto verificare che i pesci stanno bene se l’ambiente in cui vivono e’ stabile e salutare.. con piante in salute, acqua cristallina e ottimo  filtraggio biologico. … al di là dei valori di durezza e acidità.

Mi sono quindi orientata nel creare un ambiente- acquario stabile, con valori tali da permettere una buona crescita delle piante,  una ottima  filtrazione biologica dell’acqua e una sufficiente illuminazione. Mi preoccupo che l’acqua sia pulita e poco inquinata, ma non mi preoccupo più se  il pH e conducibilità  non e’ quello rilevato nei bacini di pesca amazzonica. L’acquario e’ stato  allestito nell’autunno 2008… ed e’ in continua evoluzione con il crescere delle piante  che  ne modifica l’aspetto quotidianamente.  Fotografare l’acquario con questo layout è risultato molto più difficoltoso di altre volte. Le luci, seppure non molto intense, fanno preferire agli heckel l’ombrello della Hydrocotyle a ridosso dello sfondo tridimensionale scuro. Quando le luci si attenuano vanno a spasso per la vasca.. ma ovviamente diventa pressoché impossibile fotografarli… 


Image 



Gli acquari italiani Acquari italiani: la vasca di Luca Bosetti
Gli acquari italiani
Acquari italiani: la vasca di Luca Bosetti

Mondo Discus
© 2013