L’intervista: Clifford Young su MondoDiscus

30 novembre 2007
Image

Image

L’intervista: Clifford Young su MondoDiscus

di Luigi Del Favero


Non per merito, ma per fortuna e disponibilità dell’interessato, abbiamo scovato un allevatore che di discus ne ha visti parecchi! Leggendo questa intervista attentamente in alcuni passaggi si trovano molte delle risposte che attualmente in Italia sono ancora delle domande! Chissà quante cose avrebbe ancora da dire! Nel ringraziare Mr. Clifford Young per la sua disponibilità Vi auguriamo buona lettura!



Chi è Clifford Young? E da quanti anni ti occupi di Discus?

Sono un collezionista di discus, ho iniziato come Hobbista nel 1963, ho comperato una coppia di Wild discus, da quel momento in poi sono stato catturato dai discus diventando un vero discussomane. L’allevamento dei discus non è iniziato fino agli anni ‘70. Negli anni ‘90 fui onorato di prestare servizio volontario come direttore e consigliere di un gruppo dedicato ai discus per la Società dell’acquario di S.francisco (www.sfaquarium.org ), questo per circa 5 anni. Alla fine degli anni ‘90 ho aperto la mia società dedicata ai Discus e servizi per Acquari (www.Cliffsdiscus.com )

Quali sono i tuoi Discus preferiti e perchè e quali criteri usi nella scelta dei riproduttori?

Attualmente direi che i miei preferiti sono gli striati. Perché ogni Discus mostra il proprio individuale modello. Queste sono alcune delle cose che considero quando seleziono:

1. Salute

2. Nessuna deformità (potrebbero essere genetiche)

3. Corpo pieno con un buon spessore, pinnaggio, occhi ecc.

4. Buona linea di sangue

Image

A proposito di allevamento… I tuoi discus sono allevati per l’80% artificialmente; Ci descriveresti come procedi nell’allevare discus artificialmente?

Vi ho già parlato del processo. Questo è solo un metodo,  più redditizio di altri, pensato specialmente per persone lontane dai propri discus e larve per più di 8 ore, cosi come per coloro che lavorano 8 o 10 ore al giorno questo metodo funziona a meraviglia, ed anche l’allevatore può dormire sonni tranquilli.



Il Discus è un pesce facile o difficile da allevare e poi esistono delle selezioni più facili di altre?

I discus di oggi sono  addomesticati  (in quanto fatti dall’uomo)  e vivono nell’acqua della rete idrica urbana. Questi Discus si riproducono anche nell’acqua della rete urbana, direi che la riproduzione ora e più semplice. I libri pubblicati e Internet possono  dare all’Hobbysta un’abbondanza di fonti ed informazioni mai disponibili prima d’ora. Quando io iniziai c’era solo un libro per il mantenimento dei pesci tropicali in genere,e si diceva che gli allevatori di discus conoscevano I segreti  ma non li avrebbero mai svelati. Tempi in cui  erano difficili le crescite quando ereditavo coppie che non erano in buona salute, o in altri casi quando la linee di sangue arrivavano alla fine e le larve erano troppo deboli o le femmine non producevano uova o ne producevano di sterili o i maschi avevano problemi di bassa capacità di fecondazione o erano del tutto sterili.   

 

Quali sono gli aspetti più importanti nel gestire un allevamento come il tuo?

1. Organizzare

2. Pianificare

3. Mettere nel corretto ordine di priorità ogni situazione su base individuale

La mia organizzazione deve essere vista nel complesso, dove ciscun aspetto deve seguire uno standard di pratica e procedura, i cambiamenti sono sempre benaccetti, dato che ho una politica di completa apertura dove  riscontro un valido suggerimento che possa essere utile per il Business. Ogni procedura ha delle linee guida, come i cambi d’acqua, gli ordini per le forniture, la ricerca dei fornitori e l’inventario. Tutte queste procedure, o simili, hanno quello che viene definito un tempo standard di esecuzione che permette di calcolare il tempo necessario per completarle. Processando un piano di lavoro viene generata una tabella di lavoro settimanale, seguita da un report mensile di lavoro. I report mensili vengono confrontati di anno in anno quadrimestralmente per avere una panoramica della riuscita del business.

Stai procedendo nella selezione di tue linee di discus ?

Certo, normalmente allevo i miei dicus, per fissare alcuni tratti della genetica che preferisco.



Quali impegni comporta in termini di tempo, risorse umane e tecnologiche questo tipo di obiettivo?

Una ragionevole tabella temporale per ottenere una buona linea di sangue è di circa 10 anni, se si adotta il sistema di crescita artificiale l’intervallo di tempo è sorprendentemente molto più corto. Dato che sono l’unico allevatore che effettua personalmente tutto in artificiale, il tempo che impiego per una riproduzione inizia con il nuoto libero; con l’allevamento tradizionale l’allevatore può stare a guardare fino alla terza settimana di vita delle larve. Cambi d’acqua giornalieri del 300% minimo quando inizia il nuoto libero, la schiusa di 5 o 6 diversi gruppi di artemia nell’imminenza del nuoto libero,  la preparazione dell’acqua nello stesso periodo mi danno una stima di 20 ore di lavoro di vantaggio rispetto alla crescita parentale. E questo per ogni gruppo di larve. La teconlogia e la bio tecnologia sollevano domande sul ruolo che potranno giocare nell’industria del pesce tropicale.  

Credi che possa pagare oggi nel tuo paese questa scelta commerciale?

Certamente, anche perchè la mia attività commerciale effettua servizio completo quando vendo localmente, a tal proposito per servizio completo intendo:

 

1. Vendere discus allevati in U.S.A. sani di calorazioni garantite e selezionate

2. I discus venduti localmente possono essere anche mantenuti da me offrendo appunto un servizio di manutenzione completo .



Secondo te esiste l’American Discus Style?

Non uno ma più stili:



L’Hobbysta
con una vasca di comunità con alcuni discus

L’Hobbysta avanzato  con una vasca piantumata con discus e una vasca dedicate ai discus

Il Vero discus Stylis con 5/10 vasche di discus di colori differenti, come I colori dell’arcobaleno.

L’allevatore “Master” con 25 acquari o più dedicate ai discus di pochi colori

L’allevatore "Professionale" con 35 vasche o più con I discus impacchettati come sardine ed altri 20 o 30 gruppi di imminenti larve. Questi allevatori alcune volte hanno anche gli Angel fish.

L’ultima categoria sono gli importatori, comprano e rivendono e solo occasionalmente riproducono, solitamente vendono anche prodotti secchi e alter categorie di pesci.

 

Cosa pensi della cultura acquariologica nel tuo paese in generale ed in particolare… ovviamente sui Discus?

La mia opinione a riguardo è che la cultura Acquaristica sia arrivata attualmente ad un basso livello dovuto probabilmente all’andamento economico. Il discus è una nicchia nella cultura acquaristica generale.

C’è qualche allevatore straniero a cui ti sei ispirato? E quali sono secondo te i migliori in questo campo a livello mondiale?

Penso che Mondodiscus abbia già fatto una attenta ed accurata selezione di alcuni allevatori/creatori di discus tra i migliori al mondo. Ho avuto l’onore di incontrare alcuni di loro sia in America in occasione di una loro visita che all’estero.     

Esistono i presupposti per allevare pesci sani e Quali sono i problemi o le malattie più comuni che possono presentarsi?

Non ho alcun problema nell’allevare discus sani dato che la maggioranza è cresciuta artificialmente, il problema relativo alle malattie e di gran lunga inferiore che nell’allevamento parentale. Inoltre la maggioranza delle linee di sangue dei miei discus sono tutte di mia produzione. Qualche volta può capitare che che prenda alcuni discus da  fonti esterne; questo è il  momento in cui ci potrebbero esserci problemi di malattie anche dopo lunghe quarantene. Gli altri problemi possono essere causati dalle società che gestiscono gli acquedotti, troppi additivi chimici durante la stagione delle piogge e progetti di ricostruzione della rete idrica.

Parlando dell’italia…Conosci o hai mai sentito nominare qualche nome italiano associato al discus?

Ricevo moltissime mail da persone di tutto il mondo giornalmente, alcune dall’Italia ma francamente non ricordo i nomi.



Cosa pensi di MondoDiscus? Esistono realtà simili in America?

Il mio primo pensiero visitando MondoDiscus è che dovrei imparare l’italiano, il secondo è stato sulle bellissime fotografie sull’unico sito che sia concentrato su alcuni dei migliori allevatori al mondo.

Non navigo molto in Internet ma ma la maggioranza dei siti Web trattano allevatori che hanno discus non propri ma provenienti per la maggioranza dall’Asia.

Quest’ultima domanda è ormai un must per tutti gli intervistati.

Se ti chiedessi di dare un solo consiglio a chi vuole allevare i Discus, quale consiglio gli daresti?

Il mio consiglio chiave per avere successo nell’allevamento dei discus è di avere Intuito oltre la vista senza confini.



I miei umili e sinceri ringaziamenti a Mondodiscus per avermi dato il privilegio di questa intervista!

                                                                Clifford Young

                                                        Cliff’s Discus and Aquarium

 

L’ALIMENTAZIONE ARTIFICIALE DI CLIFFORD YOUNG SENZA SEGRETI

Image



L’intervista: Tamer Dogan su MondoDiscus Liquido miracoloso o acqua fresca?
L’intervista: Tamer Dogan su MondoDiscus
Liquido miracoloso o acqua fresca?


Comments to “L’intervista: Clifford Young su MondoDiscus”


  1. […] L’intervista: Cliffort Young su MondoDiscus di Luigi Del Favero […]


Mondo Discus
© 2013