Obiettivo Biotopo: Rio das Mortes

17 giugno 2007

Rio das Mortes

di Heiko Bleher foto Natasha Khardina

Image Image

Image

Image


Secondo Acquario – 550 litri

Biotopo: Rio das Mortes – Brasile


Il Rio das Mortes porta acque quasi nere (nella stagione secca) e scorre indicativa mente da ovest verso est at-traversando una grande parte del Mato Grosso prima di sfociare nel Rio Araguaia. Qui penetrano banchi incredibili di Exodon paradoxus, autentici pesci di banco. Sono poi presenti schiere, grandi banchi di tetra “di fuoco” (Hyphessobrycon amandae). Un biotopo sabbioso, con poche rocce, ma parecchie radici e piante acquatiche e galleggianti. Piccoli pesci gatto di diverse specie (Otocinclus, Corydorasealtre) convivono con loro in comunità. E’ un vero giardino subacqueo quello che si trova in questo piccolo affluente. Qui viene riproposta una zona ad acqua bassa.

Image 

La foto mostra la riproduzione della zona lungo la riva e tutte le specie di piccoli pesci che lì vivono nella ricca vegetazione si trovano subito a proprio agio nell’allestimento secondo biotopo della vasca

Image

Image 

Un interessante tetra del genere Moenkhausia, anch’esso un pesce di branco, vive qui, ma in gruppi più piccoli rispetto al tetra di fuoco.
Image 

Corydoras e piccoli Otocinclus trovano subito il proprio ambiente. I primi hanno bisogno di sabbia bianca fine da “setacciare” per estrarne i microrganismi, i secondi di radici da cui raschiarele alghe.


Pesci:
tetra di fuoco (Hy-phessobrycon amandae), tetra di vetro (Moenkhausia oligolepis); 2 Corydoras(Corydoras cf. julii eC. cf. nanus), piccoli Loricaridi (Otocincluscf. affinis).
Piante: sono presenti Mayaca fluviatilis, Echinodorus martii, Cabomba furcata,Cyperus sp., Hygrophilasp.,Nymphaeasp. e molte altre.

Il mio commento: già da bambino (avevo 7 anni quando andai per la prima volta in Mato Grosso) mi capitò di fare delle ricerche nel Rio das Mortes alla metà degli anni 50 con mia madre e mio fratello. Un fiume un po’ sperduto ad acque quasi nere che alimenta il Rio Araguaia (che a sua volta sfocia nel Tocantins, l’ultimo grande ramo del Rio delle Amazzoni prima della foce). A lungo conosciuto dagli acquariofili come foginho (tetra di fuoco), venne descritto solo nel 1987 e denominato in onore di mia madre, Amanda BLEHER. E’ un pesce d’acquario meraviglioso, molto piccolo, che vive in gruppi (mai tenerne un uniico esemplare, ma almeno una quindicina o più) e con una dieta a base di artemie e mangime secco fine diventa in genere rosso acceso, come lo vidi in natura la prima volta che lo catturai. Ormai viene allevato in tutto il mondo. I tetra di fuoco vivono assieme a molti piccoli “pesci d’acquario” e, come detto, sono tipici pesci di gruppo.


I valori dell’acqua sono: pH 5,7–6,2, conducibilità 19-29•/cm e temperature
oscillanti (in estate) tra 26 e 28°C (in inverno si abbassano fino circa 19-15°C).  


Image 

Autorizzazione alla pubblicazione concessa da Heiko Bleher. Tutti i diritti sono riservati ®Aquapress. Vietata la riproduzione senza autorizzazione dell’autore.


Obiettivo Biotopo: Rio São Francisco Italy Young Breeders: Antonio Trimboli
Obiettivo Biotopo: Rio São Francisco
Italy Young Breeders: Antonio Trimboli
Mondo Discus
© 2013