L’intervista: Cristian Roncato

21 agosto 2006
vasca Cristian Roncato

Eccovi un pezzo da novanta del mondo italiano, e non solo, dei Discus. Cristian Roncato, un nome sempre più associato a Italian Discus: azienda italiana, leader dell’allevamento professionale di Discus. Certo non c’è bisogno di presentazioni ma almeno per quei pochi che ancora non ti conoscono Cristian, la prima domanda… ti tocca.

E grazie a nome di MondoDiscus.


vasca Cristian Roncato
La splendida vasca da esposizone con dentro degli esemplari semi adulti Diamond

Chi è Cristian Roncato?

Un grande appassionato di discus! Sono stato subito colpito e affascinato da questo splendido ciclide molti anni fa. Da quel momento è iniziata una grande “avventura”, fatta di esperienze, sacrifici, soddisfazioni, emozioni, viaggi e conoscenze in tutto il mondo. Questa grande passione, che definirei quasi una “malattia”, mi ha portato nel corso degli anni a conoscere molto bene il Re, a confrontarmi con molte persone, a viaggiare in tutta Europa e in Asia alla ricerca di esemplari e sempre a cercare di carpire anche alcuni segreti.

La grande fortuna è stata quella di poter fare di questa mia passione anche il mio lavoro, così è nata Italian discus!


Quali sono i tuoi Discus preferiti e perchè, e quali criteri usi

nella scelta dei riproduttori?

Riproduco principalmente discus di allevamento – quindi non forme selvatiche di cattura – e di molte varietà, oserei quasi definirmi un collezionista, anche se ho un debole in particolar modo per i turchesi hi body, uno dei miei sogni nel cassetto, che ultimamente ho potuto realizzare. Con la mia attività ho la fortuna di poter scegliere la miglior qualità tra migliaia di soggetti, ma probabilmente i principali criteri che seleziono sono la forma e la giusta proporzione dei vari elementi del corpo (dimensioni, occhi, pinne, portamento e colorazione).


vasca da esposizione
La vasca da esposizione con esempalri diversi

Il Discus è un pesce facile o difficile da allevare
e poi esistono delle selezioni più facili di altre?

Credo di poter dire che è facile allevarli, ovviamente bisogna essere a conoscenza delle esigenze e delle attenzioni che necessitano. Ho notato nel corso degli anni alcune differenze tra alcune selezioni rispetto ad altre, specialmente in fase riproduttiva, ma credo che questo sia dovuto all’eccessiva selezione, alla continua ricerca di nuove varietà, spesso a discapito di altri fattori non trascurabili .


Quali sono gli aspetti più importanti nel gestire un allevamento
professionale come ItalianDiscus?

Come si può immaginare è un lavoro molto complesso. La mia scelta, da sempre, è stata puntare sulla qualità assoluta. Per farlo ho dovuto costruire una rete di relazioni con i migliori allevatori al mondo. Naturalmente, questo vuol dire lavorare sempre per avere un allevamento al top, per poter accogliere degli esemplari splendidi, e farli crescere e riprodurre nel migliore dei modi. Alle problematiche dell’allevamento vero e proprio vanno aggiunti gli aspetti manageriali: per dirne una, bisogna fare in modo che la gente conosca i tuoi sforzi di organizzazione e gestione e i tuoi risultati in termini di qualità. Questo vuol dire investire in comunicazione e in tecnologie web. Insomma, alla passione di una vita bisogna unire il lavoro di gestione di un’azienda moderna ed efficiente a tutti gli effetti. Non è facile, ripeto, ma di certo è stimolante.


vasca con esemplari adulti per formazione delle coppie
Vasca gigante con esemplari adulti per la formazione delle coppie

 

 

 


Quali impegni comporta in termini di tempo, risorse umane e tecnologiche?

E’ sicuramente un impegno a tempo pieno, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, non si può sbagliare con il vivo. Bisogna sempre avere la situazione sotto controllo, e questo comporta un notevole sacrificio, in termini di tempo. Ovviamente, arrivato a un certo livello, senza la valida collaborazione del mio staff, non riuscirei a seguire tutto da solo! Avere accanto delle persone competenti su cui poter contare è fondamentale, capaci di intervenire e aiutarmi nel momento giusto, sempre. Il mio impianto è stato sviluppato nel corso degli anni seguendo le esigenze che via via si presentavano. Come molti appassionati che ho conosciuto, ho progettato e realizzato io stesso il mio impianto, e ancora oggi mi trovo a modificare le strutture per migliorarne la resa. Questo mi permette di affrontare gli imprevisti autonomamente.

Gli splendidi Spotted Euption Wayne

Gli splendidi Spotted Euption Wayne
Gli splendidi Spotted Euption Wayne

Sei distributore esclusivista italiano di Wayne Discus Center.
Non credo che Wayne elargisca a tutti questo privilegio e non credo nemmeno
sia facile come impegno… o sbaglio?

Ecco un altro sogno nel cassetto! Ricordo ancora che agli inizi delle mie esperienze leggevo sulle riviste di questo importante allevatore di Hong Kong, e vedevo immagini di discus… semplicemente da sogno. Nel corso  degli anni e con lo sviluppo della mia attività, la continua ricerca di soggetti di qualità mi ha spinto a fissarmi degli obbiettivi, e tra questi c’era la volontà da parte mia di avere e poter offrire anche al mercato italiano dei discus “importanti”. Così ho deciso di affrontare la situazione scegliendo, a mio avviso, quello che di meglio c’era a disposizione.

Wayne si è reso conto anche di tutto questo mio entusiasmo e mi ha scelto come suo distributore.


Cosa pensi della cultura acquariologica italiana in generale

e in particolare… ovviamente sui Discus?

Non siamo ai livelli di altri paesi europei, ma negli ultimi anni, e con lo sviluppo di internet, la cultura si è specializzata . Mi auguro che nel corso dei prossimi anni la conoscenza italiana aumenti.


Hai sempre una finestra aperta sul mondo,
perchè non ci dai qualche anteprima sulle novità internazionali?

Sicuramente la prossima scommessa di molti allevatori sarà la selezione di discus albini, di diverse varietà. nell’ultima edizione di Aquarama a Singapore è stata inserita una nuova categoria per tutte le forme albine, quindi…Ne vedremo delle belle!

italian discus
Una novità Italian Discus… albino con avannotti al seguito

Esistono i presupposti per allevare pesci sani e quali sono i problemi
o le malattie più comuni che possono presentarsi?

Per poter ottenere dei buoni risultati nell’allevamento bisogna prestare molta attenzione alla salute dei nostri pesci, specialmente dei riproduttori. Le patologie che più spesso si presentano colpiscono l’apparato digerente o le branchie, e specialmente nelle prime fasi di vita di un piccolo discus possono avere gravi ripercussioni sullo sviluppo e la crescita. Intervenire tempestivamente ed in maniera appropriata è di fondamentale importanza, però non affidatevi al “fai da te“ o al “sentito dire“.

mani di forbici, sala operatoria
Cristian mani di forbice… in sala operatoria

Quest’ultima domanda è ormai un must per tutti gli intervistati.
Se ti chiedessi di dare un solo consiglio a chi vuole allevare i Discus, quale gli daresti?

Imparate a osservare i vostri discus! E’ come un colpo di fulmine! Se riuscirete a farlo, vi renderete conto di cosa e quanto possano riuscire a trasmettervi, di quante emozioni, soddisfazioni e avventure potrete vivere e condividere con loro. A quel punto, la passione e l’amore verso questi splendidi animali prenderà un posticino nel vostro cuore, e non ne farete… più a meno!


 

riproduttori

Una parte della batteria di riproduzione con riproduttori… al lavoro

 


Ciao Cristian… e grazie.

Copyright © MondoDiscus
E’ assolutamente vietata la riproduzione, anche solo parziale,
del testo e delle foto presenti
in questo articolo, senza il consenso dell’autore.

 

Tutti gli articoli su Italian Discus:

 

Made in Italy Mondiale:i red pupil

i red pupil visti dalle pupille di roncato

un’eruzione di lapilli rossi

wayne visto da roncato

visitando italian discus

cristian mani di forbice

Caridine Italy


 


Wayne visto da Roncato. L’intervista: Lorenzo Vecchio
Wayne visto da Roncato.
L’intervista: Lorenzo Vecchio

Comments to “L’intervista: Cristian Roncato”


  1. […] L’intervista a Cristian Roncato di Rosario Curcio […]


Mondo Discus
© 2013